ALBASANA ADV 2021
Dormirai da favola: la nuova campagna pubblicitaria firmata Albasana
29 maggio 2021
Show all

Alzi la mano chi non usa lo smartphone prima di addormentarsi

Albasana

Alzi la mano chi non usa lo smartphone prima di addormentarsi? Non c’è cosa più sbagliata!

La scienza lo conferma: esiste una relazione tra i dispositivi elettronici e i disturbi del sonno. Studi condotti di recente, infatti, stabiliscono che i dispositivi elettronici, come smartphone, computer, tablet, possono alterarne la qualità del riposo notturno.

In aumento sono le persone che hanno bisogno della tv accesa o di guardare netflix sullo smartphone per riuscire a dormire. Apparentemente possono sembrare comportamenti non nocivi, eppure la verità è che tali dispositivi provocano una minore durata del risposo e qualità inferiore.

La luce. L’illuminazione degli schermi dei dispositivi elettronici, mantenendoci in allerta, provocherebbe una riduzione nella produzione di melatonina, ormone che influisce sulla qualità del sonno. Quando i livelli di melatonina sono troppo bassi, conciliare il sonno è più difficile.

E’ stato inoltre dimostrato come l’uso dello smartphone sia correlato anche al mondo onirico. Fare sogni sereni? Non è possibile se si usa lo smartphone a letto, infatti, l’uso massiccio dei dispositivi elettronici renderebbe più difficile ricordare i sogni.

E’ davvero tutta colpa della tecnologia?

Non diamo la colpa alla tecnologia e ai dispositivi elettronici;  non sono loro il vero problema. Sappiamo bene che l’uso corretto dei dispositivi tecnologici ci permette di svolgere più velocemente e facilmente certe attività.

Il vero problema risiede invece nell’aver perduto la capacità di saper dedicare del tempo anche ad altre attività, classiche, come la lettura di un buon libro, l’ascolto di musica rilassante, soluzioni semplici e a portata di tutti per ritrovare il piacere di dormire.